centralino unico 010 84911112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenotazioni telefoniche

Logo asl 3 genovese

 

Struttura Complessa Medicina d'urgenza

CARTA DEI SERVIZI

Presentazione

La Struttura Complessa Medicina d’Urgenza del Presidio Ospedaliero Unico di ASL3 Genovese comprende tutte le strutture ospedaliere cui afferiscono pazienti che vi accedano per patologie definite urgenti e che necessitino di un rapido inquadramento per ciò che riguarda accoglienza, diagnosi, terapia, stabilizzazione delle condizioni cliniche e rapida individuazione di un percorso che - a seconda dei casi - può avere come esito la dimissione, il ricovero in osservazione temporanea, la degenza breve o il ricovero direttamente in strutture degenziali di competenza.
Alla Struttura Complessa, attiva sulle 24 ore, afferiscono le Strutture Semplici Pronto Soccorso VIlla Scassi/OBI, Primo Intervento Ospedali Micone di Sestri Ponente e Gallino e Degenza Breve. 

Descrizione delle Attività

Pronto soccorso Villa Scassi
I servizi sono attivi ogni giorno per accogliere, distinguere e trattare il paziente in relazione al grado di urgenza e, successivamente, ricoverarlo, trasferirlo o dimetterlo a seconda della diagnosi, delle cure e delle competenze specialistiche necessarie.
Presso il Pronto Soccorso e presso i Punti di Primo Intervento si valutano i quadri clinici e le situazioni socio assistenziali gestibili con le strutture complesse presenti nel Presidio Ospedaliero Unico.
Casi di competenza neurochirurgica o cardiochirurgica con caratteri di urgenza non differibile vengono trasferiti, previo teleconsulto, alle strutture operanti nelle altre aziende della rete ospedaliera metropolitana che dispongono di tali specialità (sistema hub & spoke).

OBI: osservazione breve intensiva/osservazione temporanea

Il Reparto di Osservazione Breve Intensiva (O.B.I.) accoglie Pazienti che necessitano di un prolungamento dell’iter diagnostico terapeutico cui farà seguito la dimissione, o il ricovero, o l’esecuzione di ulteriori esami da svolgere in sede ambulatoriale una volta rimessi alle cure del medico di fiducia. Il reparto offre supporto nei casi di maggiore richiesta di ricoveri in situazioni particolari o in attesa delle disponibilità del posto letto nel reparto più adeguato.
La permanenza del paziente in OBI non supera di norma le 36 ore.
Durante questo periodo è possibile:

  • effettuare esami in successione o controlli a distanza di tempo;
  • somministrare le terapie necessarie e verificarne l’efficacia;
  • attendere un sufficiente miglioramento clinico prima della dimissione;
  • stabilizzare le condizioni del paziente prima di inviarlo in reparto;
  • attivare le strutture di supporto, quali per esempio servizi sociali e servizi territoriali;
  • fornire al paziente le consulenze specialistiche necessarie in collaborazione con tutti i servizi delle strutture.

Durante la permanenza in OBI è consentita, e raccomandata per i pazienti anziani e disabili, la presenza di una persona di riferimento.

Degenza breve
La Struttura garantisce la gestione del Paziente acuto potenzialmente stabile e/o cronico riacutizzato proveniente in via esclusiva dal Pronto Soccorso e Osservazione Breve Intensiva (OBI) si occupa di pazienti che necessitano di un periodo di osservazione prolungato per un corretto inquadramento diagnostico–terapeutico.
Tutte le cure e le prestazioni vengono effettuate in regime di ricovero in degenza ordinaria ed in regime di post-ricovero entro i 30 giorni dalla dimissione. 
L’attività d’inquadramento diagnostico tende a definire nel più breve tempo possibile, e grazie a percorsi preferenziali con alcune strutture, un appropriato piano di cura  (piano diagnostico per il completamento delle indagini diagnostico-stadiative e/o piano terapeutico), sulla base di percorsi diagnostico-terapeutici specifici per ogni disciplina.
Al termine del periodo di osservazione, che deve concludersi in almeno 5 giorni, il Paziente viene dimesso o trasferito per la prosecuzione delle Cure presso Reparto Specialistico o altro ospedale.  

Punto di Primo Intervento presso l'Ospedale Micone
Nel Punto di Primo intervento presso l’Ospedale Micone vengono trattati sulle 12 ore, dalle 8 alle 20, i casi congrui con le strutture disponibili nel presidio: i casi più gravi o che necessitano di consulenza specialistica vengono centralizzati presso l’Ospedale Villa Scassi.

Particolari attività della struttura

Oltre a quelle descritte, le Strutture di emergenza urgenza del Presidio Ospedaliero Unico dedicano interesse e attenzione alla gestione di particolari criticità medico/sociali quali:

  • individuazione e gestione di tutti i comportamenti inquadrabili come violenza ed abuso (violenza di genere, maltrattamento di minori e anziani, stalking, mobbing, bullismo, abuso sessuale);
  • attenzione a persone con fragilità sociali e loro inserimento in un percorso assistenziale post ricovero (progetto MAC con assistenza di personale di cura a domicilio);
  • attività di mediazione culturale soprattutto nei confronti di immigrati ispanici;
  • gestione di tutti i casi acuti di patologia psichiatrica;
  • controllo e gestione dei “body packers” (persone portatrici di sostanze stupefacenti all’interno del tratto gastroenterico).

Informazioni utili

L’attività di tali strutture non è per definizione programmabile trattandosi di strutture di pronto accesso: per tale motivo i pazienti non vengono valutati in ordine di arrivo cronologico, ma in base alla attribuzione di un codice di priorità/gravità stabilito da personale infermieristico formato (TRIAGE) che, in base a parametri stabiliti e condivisi a livello interaziendale, individuerà un codice colore (bianco, verde, giallo, rosso) di priorità.

Le informazioni di carattere generale (es. parcheggi, ristorazione, assistenza religiosa…) sono consultabili sulla Carta dei Servizi del Presidio Ospedaliero Unico, disponibile anche sul sito www.asl3.liguria.it.

  • Sedi e contatti SC Medicina d'urgenza - Degenza breve
  • Segnalazioni e reclami

    • Tutela

Informazioni aggiuntive

Ultima modifica lunedì, 23 maggio 2022 15:11

Informazioni emergenza Coronavirus