centralino unico 010 84911112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenotazioni telefoniche

Logo asl 3 genovese

 
Giovedì, 22 Aprile 2021 09:02

Centro Sclerosi Multipla Asl3: avviate le seconde dosi per le vaccinazioni anti-covid

Dopo lo start lo scorso 10 marzo, in corso le somministrazioni delle seconde dosi ai pazienti del centro

E’ stata avviata lo scorso 7 aprile la seconda fase della vaccinazione anticovid per i pazienti affetti da Sclerosi Multipla in cura presso il Centro Sclerosi Multipla della Asl3, diretto dalla dott.ssa Paola Gazzola. Nella prima fase, avviata lo scorso 10 marzo, sono stati vaccinati (Vaccino Moderna) nel Centro, presso gli ambulatori/DH/DSA della S.C di Neurologia dell’Ospedale Padre Antero Micone di Sestri Ponente, 140 pazienti per la  prima dose e 40 per la seconda, con una media giornaliera di quindici somministrazioni. 

La campagna vaccinale, promossa dallo staff della struttura per fornire un servizio supplementare ai cittadini in cura, è stata possibile grazie alla collaborazione della Farmacia ospedaliera Asl3 di Villa Scassi. 

Il Centro Sclerosi Multipla di Asl3 – che afferisce alla S.C Neurologia, diretta dal Dott. F. Bandini -  segue circa seicento pazienti, di cui 450 trattati con i farmaci e una media di circa novanta visite mensili, con contemporanei controlli degli esami ematochimici/o altre indagini (radiologiche/elettrofisiologiche). Nella struttura vengono erogate anche terapie infusionali con frequenza quotidiana, almeno 15 settimanali (distribuite tra i vari farmaci). 

Nel centro operano attualmente tre medici specialisti neurologi, con esperienza nel campo della sclerosi multipla (dott.ssa Paola Gazzola, dott.ssa Sabrina Fabbri e dott. Michele Bedognetti), tre infermiere specializzate (Sig. Marina Marchelli, Sig. Martina Ghio, Sig. Tiziana Faraolfi) e una data manager (dott.ssa Valentina Carlini), dedicata agli studi clinici. 

Il Centro Sclerosi Multipla Asl3 ha garantito anche durante l’emergenza sanitaria legata alla pandemia da SARS-COV 2 l’assistenza clinica e paraclinica e in particolare l’erogazione delle terapie infusionali. E’ stato inoltre incrementato il contatto con i pazienti via telefono e mail; inoltre tramite cellulare, grazie a un numero whatsapp dedicato, sono state effettuate videochiamate per le valutazioni cliniche, invio di referti, immagini, video per monitoraggio e aggiornamento della salute dei pazienti.