Stampa questa pagina
Logo asl 3 genovese

Deroghe per locali di altezza inferiore a 3 metri

L'autorizzazione in deroga all'art. 63 comma 1 (punto 1.2 Allegato IV) del D. Lgs. n. 81/08 riguarda le attività lavorative industriali che si svolgono in locali di altezza inferiore a 3 metri e precisamente:

  • le aziende industriali in cui sono occupati più di 5 lavoratori così come definiti all'art. 2, comma 1, lett. a del D.Lgs 81/08 (il limite di 5 riguarda il numero totale di dipendenti occupati nell'unità produttiva e quindi non solo quelli presenti abitualmente nei locali di minore altezza);
  • le aziende industriali che eseguono lavorazioni che comportano la sorveglianza sanitaria indipendentemente dal numero dei dipendenti.

In ogni caso l'altezza non potrà essere inferiore a quanto previsto dalla normativa di igiene edilizia attualmente in vigore.
La deroga è ammessa quando ricorrono necessità tecniche aziendali. Fra queste possono essere considerate anche i casi di altezze minime inferiori ai 3m. dovute alla realizzazione di sopraelevazioni del pavimento o controsoffittature installate al fine di consentire l'alloggiamento di impianti.

Sono esclusi dai limiti previsti dall'art. 63 i locali da destinarsi ad uffici, indipendentemente dal tipo di azienda di cui fanno parte e le aziende commerciali per le quali valgono i limiti di altezza stabiliti dalla normativa urbanistica vigente.
Nei locali di minor altezza deve essere comunque assicurata una cubatura lorda pari a 10 mc per lavoratore che opera negli ambienti oggetto di deroga, che ogni lavoratore occupato in ciascun ambiente deve disporre di una superficie di almeno mq 2 (i valori relativi alla cubatura e alla superficie si intendono lordi cioè senza deduzione di mobili, macchine ed impianti fissi).
La domanda per il rilascio dell'autorizzazione in deroga all'art. 63 deve essere presentata alla S.C. P.S.A.L. territorialmente competenti preferibilmente via Posta Elettronica Certificata (PEC). Qualora la documentazione venga inviata a mezzo raccomandata o consegnata a mano, dovrà essere fornita in doppia copia. Non potranno essere accolte richieste anche parzialmente incomplete.
L'autorizzazione in deroga all'art. 63 rimane valida fino a quando le strutture, gli impianti ed il ciclo lavorativo restano immutati.

Per il procedimento amministrativo di rilascio o di diniego dell’autorizzazione in deroga trova applicazione la legge 241/90 e s.m.i..

  • Domanda di autorizzazione da compilare
  • Elenco documenti da allegare alla domanda
  • Prospetto riepilogativo

Informazioni aggiuntive

  • Dipartimenti: Direzione Socio sanitaria
Ultima modifica martedì, 19 luglio 2022 12:14