Stampa questa pagina
Logo asl 3 genovese
Giovedì, 19 Agosto 2021 15:25

Pillole di prevenzione - consigli per gli amici animali

Di seguito il Dott. Roberto Parodi, Direttore della Sanità Animale Asl3, ci illustra le principali precauzioni da osservare nel periodo estivo per preservare la salute e il benessere dei nostri amici a quattro zampe

 

Dottor Parodi, quali sono le principali precauzioni da osservare e perché?

Va innanzi tutto precisato che cani e gatti non sudano come noi attraverso la pelle, in quanto possiedono ghiandole sudoripare soltanto negli spazi interdigitali, quindi tra un dito e l’altro.
La loro termoregolazione avviene attraverso un aumento degli atti respiratori, grazie ad un sistema di vaporizzazione che utilizza le superfici umide del cavo orale e delle cavità nasali.
Questo li rende particolarmente vulnerabili nei confronti dei colpi di calore e dei colpi di sole.
Il caldo eccessivo, infatti, soprattutto se associato ad un alto tasso di umidità, può rappresentare un problema molto serio per la loro incolumità, soprattutto se si tratta di cuccioli, di soggetti anziani o affetti da patologie croniche.
E’ quindi assolutamente necessario non lasciare gli animali sulle autovetture, anche se posteggiate all'ombra e con i finestrini leggermente abbassati, perché con l’aumento della temperatura è l’animale stesso, con il suo respirare affrettato, a saturare l’aria di umidità, impedendo così la funzione di termoregolazione e compromettendo la propria capacità respiratoria.
E’ fondamentale assicurarsi che i nostri animali abbiano sempre a disposizione una buona quantità di acqua fresca.
E’ necessario evitare di portarli a spasso nelle ore più calde della giornata.
E’ possibile portarli in spiaggia soltanto se si è in grado di garantir loro un soggiorno all’ombra in zona ventilata.

Quali sono i consigli prima di intraprendere un viaggio?

Prima di partire per un viaggio, anche breve, è indispensabile dotarsi di una ciotola e di una sufficiente scorta di acqua per offrire ai nostri amici la possibilità di abbeverarsi con una certa frequenza.
E’ bene inoltre evitare di condurre a piedi i nostri amici sull'asfalto e su percorsi particolarmente assolati, in quanto la ridotta distanza dal suolo implica un forte surriscaldamento corporeo e ne complica la traspirazione.

Cosa fare in caso di colpo di calore?

Nel malaugurato caso che il colpo di calore dovesse manifestarsi è però bene conoscerlo.
Il colpo di calore si manifesta inizialmente con segni di disagio ed irrequietezza, l’animale ansima eccessivamente, il successivo peggioramento crea perdita di lucidità, incoordinazione dei movimenti, ipersalivazione e vomito.
Se a questo punto non si interviene prontamente insorgeranno dapprima perdita di coscienza, quindi uno stato comatoso, per arrivare purtroppo fino alla morte dell’animale.
In attesa dell’indispensabile intervento di un Veterinario è necessario spostare immediatamente l’animale dal luogo in cui si è verificato il colpo di calore in un ambiente fresco e ombreggiato.
E’ importante raffreddare il suo corpo mettendogli addosso degli asciugamani o degli stracci bagnati con acqua a temperatura ambiente (non gelata!), che andrà rinnovata frequentemente, concentrandosi in particolare sulle zone del collo, delle orecchie, delle ascelle, dell’inguine e della parte distale delle zampe.
In tutti i casi, anche se la situazione sembra migliorare, è necessario portare l’animale da un Veterinario Libero professionista, poiché il semplice raffreddamento non è sufficiente a scongiurare tutte le possibili complicazioni legate al colpo di calore.