centralino unico 010 84911112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenotazioni telefoniche

Logo asl 3 genovese

 

Vaccino contro meningococco

La malattia meningococcica è causata da un batterio (Neisseria meningitidis), che si trasmette attraverso le vie aeree superiori con le goccioline di saliva e di muco. La trasmissione da un soggetto all'altro avviene raramente solo in caso di stretto contatto con l'ammalato. I meningococchi sono più di uno; se ne conoscono 13 tipi diversi, ma quelli più diffusi nel mondo sono i tipi A, B e C, meno diffusi sono l'Y 135 e il W. In Italia i più frequenti tipi sono il B e il C.

Il tipo A provoca estese epidemie in Africa. Le infezioni gravi da meningococco interessano principalmente i bambini piccoli (meno di 5 anni), e i giovani adolescenti. Le malattie provocate da meningococco possono avere conseguenze molto serie, o portare addirittura alla morte nel 10-15% dei casi.

Le manifestazioni cliniche della malattia meningococcica sono molteplici e vanno dallo stato di portatore sano, soggetto asintomatico che può, in determinate condizioni rappresentare un focolaio di diffusione della malattia, alla semplice rinite e faringite, alla polmonite, alla congiuntivite fino a quadri più gravi come la sepsi acuta con o senza meningite.

In Italia sono attualmente disponibili i seguenti tipi di vaccino somministrabili per via intramuscolare:

  • Vaccino meningococcico gruppo C coniugato: raccomandato e offerto attivamente ai bambini di 13-15 mesi, somministrato per via intramuscolare
  • Vaccino meningococcico coniugato gruppi ACYW: raccomandato e offerto attivamente agli adolescenti dagli 11 ai 18 anni, somministrato per via intramuscolare
  • Vaccino meningococcico gruppo B coniugato: raccomandato e offerto attivamente nel primo anno di vita a partire dalla coorte 2015, somministrato per via intramuscolare

La vaccinazione secondo quanto previsto dal Piano Nazionale e Regionale, è raccomandata e offerta gratuitamente nei soggetti affetti dalle seguenti condizioni patologiche:

  • emoglobinopatie quali talassemia e anemia falciforme
  • asplenia funzionale o anatomica e candidati alla splenectomia in elezione
  • immunodepressione congenita o acquisita (in particolare in caso di trapianto d’organo, terapia antineoplastica o terapia sistemica corticosteroidea ad alte dosi)
  • diabete mellito di tipo I
  • insufficienza renale/surrenalica cronica
  • infezione da HIV
  • epatopatie croniche gravi
  • perdite di liquido cerebrospinale da traumi o intervento
  • difetti congeniti del complemento (C5-C9)
  • difetti dei Toll like receptors di tipo 4
  • difetti della properdina
  • soggetti conviventi con soggetti affetti dalle patologie sopraelencate.

Nei casi in cui la vaccinazione non sia raccomandata, è soggetta al pagamento del costo sostenuto dall'Azienda per l'acquisto del vaccino (vedi costo al pubblico e modalità di pagamento).

 

Ultima modifica giovedì, 20 dicembre 2018 16:28

Informazioni emergenza Coronavirus

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.