centralino unico 010 84911112 numero unico emergenzaChiama il numero verde del CUP 800098543 - numero unico prenotazioni telefoniche

Logo asl 3 genovese

 

Allevamenti avicunicoli

L’attività di vigilanza sugli allevamenti avicunicoli ha lo scopo di:

  • preverire la diffusione delle malattie infettive e diffusive trasmissibili agli animali e all’uomo;
  • tutelare la salute pubblica attraverso il consumo di uova esenti da salmonella, da residui di farmaci e di altre sostanze indesiderate;
  • thutelare il benessere delle galline ovaiole.

Applicabilità

  • allevamenti di galline ovaiole, polli, conigli e altri animali da cortile.

Registrazione allevamenti Rurali

L’art. 14, comma 1, del D. Lgs. 16/03/2006, n. 158 stabilisce che " Il titolare dell’azienda……. se non già registrato presso il servizio veterinario dell’unità sanitaria locale competente per territorio ai sensi delle normative vigenti, deve chiedere la registrazione presso il predetto servizio".
L’istanza va presentata compilando il modulo CC_116.

Registrazione aziendale Galline Ovaiole

Le aziende di produzione commerciale verranno registrate in Banca Dati Nazionale con l’assegnazione di un codice aziendale. L’istanza va presentata compilando il modulo CC_146.

Allevamenti Galline Ovaiole - Autorizzazione

Il rilascio di autorizzazione sanitaria per gli allevamenti di galline ovaiole non è previsto da alcuna norma nazionale, ma può esserlo dai singoli regolamenti comunali di igiene e veterinaria.
Nel caso in cui, chi vuole attivare un allevamento di galline ovaiole, intenda farlo all'interno di un territorio comunale in cui sia in vigore un regolamento che prevede il rilascio di autorizzazione sanitaria, dovrà presentare istanza di rilascio di autorizzazione sanitaria al Sindaco di tale comune.
L'istanza viene da questi inoltrata alla Struttura Complessa Sanità Animale dove il responsabile del procedimento verifica la completezza della documentazione (richiedendo eventuali integrazioni) e l'avvenuto pagamento della tariffa prevista dal tariffario regionale.
Nel caso in cui, chi vuole attivare un allevamento di ovaiole, intenda farlo in un comune il cui regolamento non prevede il rilascio di autorizzazione sanitaria, deve comunque rispettare le norme minime per la protezione delle galline ovaiole, se allevate in batteria, previste dal D. Lgs 267/2003, il quale prevede tutta una serie di condizioni strutturali e di norme comportamentali.

Legislazione principale

  • L.30/4/1962, n° 283
  • D. Lgs 267/2003
  • D. Lgs. 16/03/2006, n. 158

Informazioni aggiuntive

  • Dipartimenti: Sanitari territoriali - prevenzione
Ultima modifica mercoledì, 24 luglio 2019 14:04

Informazioni emergenza Coronavirus

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.