Stampa questa pagina
Logo asl 3 genovese

Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale - stranieri

I cittadini stranieri sono tenuti a presentare allo sportello i documenti atti a verificare i requisiti previsti per l'iscrizione.
Si distinguono i seguenti casi:

Stranieri in possesso del permesso di soggiorno iscrivibili obbligatoriamente al SSN

Hanno diritto all’iscrizione al SSN gli stranieri con regolare  permesso di soggiorno per i seguenti motivi:

  • lavoro
  • motivi familiari
  • asilo politico e/o umanitario
  • per attesa adozione
  • per affidamento
  • per acquisto cittadinanza.

L’assistenza sanitaria spetta anche ai familiari a carico regolarmente soggiornanti.

L’iscrizione può essere effettuata presso la ASL di residenza o dimora e vale fino allo scadere del permesso.

Per iscriversi occorre presentare i seguenti documenti:

  • Permesso di soggiorno o richiesta rinnovo;
  • Codice Fiscale (rilasciato dalla Agenzia delle Entrate);
  • Certificato di residenza o dichiarazione scritta di  dimora abituale.

Nell'attesa del rinnovo del permesso di soggiorno permane l’assistenza.

A seguito di nota ARS Liguria Prot. n. 4078 del 20/05/2015 i richiedenti asilo hanno diritto: 

  1. all’iscrizione al SSR e quindi alla scelta del medico
  2. alla fornitura di prestazioni sanitarie in esenzione. Dal momento che i richiedenti asilo non possono svolgere attività lavorativa,  sono assimilati ai disoccupati, viene rilasciato un codice di esenzione EP2. Nelle more dell’iscrizione, a causa della mancanza dei documenti necessari,  qualora il richiedente asilo necessiti di prestazioni sanitarie, si procede all’assegnazione temporanea di un codice STP.

Stranieri in possesso del permesso di soggiorno iscrivibili volontariamente al SSN

Gli stranieri che sono in Italia per motivi diversi da quelli che prevedono l’iscrizione obbligatoria:

  • per residenza elettiva
  • per motivi di studio
  • per motivi religiosi
  • per persone collocate alla pari.

Sono tenuti ad assicurarsi contro il rischio di malattie, infortunio e maternità mediante stipula di apposita polizza assicurativa con un istituto italiano o straniero, valida sul territorio nazionale, o mediante iscrizione volontaria al SSN con versamento di un contributo annuale forfettario.
L’iscrizione volontaria al SSR viene effettuata previa corresponsione dell’importo minimo di € 387,34 ed è valida anche per i familiari a carico.

Per gli studenti senza familiari a carico e privi di reddito diverso da borse di studio o sussidi erogati da enti pubblici italiani l’importo è di € 149,77.
Per coloro che sono collocati alla pari  l’importo è di € 219,49.
Tali iscrizioni (studenti e collocati alla pari) non includono eventuali familiari a carico.
Per estendere l’assistenza sanitaria  ai familiari a carico, l’importo del versamento dovrà essere calcolato in base al reddito e non potrà essere inferiore a € 387,34.

Il soggetto in possesso di permesso di soggiorno per motivi di studio che documenti, presentando il contratto di lavoro, lo svolgimento di attività lavorativa, ha diritto all’iscrizione obbligatoria al SSR.

Stranieri in regola con il permesso di soggiorno ma non iscrivibili al SSN

Gli stranieri titolari di un permesso di soggiorno di breve durata, ad esempio per turismo o affari, non possono iscriversi al SSN e sono tenuti al pagamento di eventuali cure e/o prestazioni ricevute.

Stranieri non in regola con il permesso di soggiorno e non iscrivibili al SSN

Stranieri EXTRA-CEE non in regola con il permesso di soggiorno

In occasione del loro primo accesso ad una struttura sanitaria pubblica, viene attribuito un codice identificativo regionale preceduto dalla sigla STP (Straniero Temporaneamente Presente) che garantisce loro, presso le strutture pubbliche e private accreditate, le seguenti prestazioni:
  • Cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti ed  essenziali*, ancorché continuative  per infortunio  o malattia.
  • Interventi di medicina preventiva** e prestazioni ad essi correlate a salvaguardia della salute collettiva.
*Si intendono: cure urgenti quelle che non possono essere differite senza pericolo per la vita o la salute del paziente; cure essenziali le prestazioni sanitarie diagnostiche e terapeutiche relative a patologie non pericolose nell’immediato e nel breve termine, ma che con il tempo potrebbero determinare un danno alla salute o rischi per la vita (complicanze, cronicizzazioni, aggravamenti…). Sono pertanto assicurate anche le prestazioni di Pronto Soccorso, i ricoveri urgenti, i ricoveri non urgenti (considerati cure essenziali e continuative) e i ricoveri in regime di day hospital .
Deve inoltre essere assicurato al paziente un ciclo terapeutico e riabilitativo completo rispetto alla possibile risoluzione dell’evento morboso.
** Articolo 35, comma 3  del D.Lgs. 286/98

Sono garantiti:

  • tutela sociale della gravidanza e maternità
  • tutela della salute del minore
  • vaccinazioni secondo la normativa e nell’ambito di   prevenzione collettiva autorizzati dalla regione
  • interventi di profilassi internazionale
  • profilassi, diagnosi e cura delle malattie infettive ed eventuale bonifica di focolai
  • interventi di prevenzione, cura e riabilitazione degli stati di tossicodipendenza.

Stranieri CEE non in regola e non iscrivibili

In occasione del loro primo accesso ad una struttura sanitaria pubblica, viene attribuito un codice identificativo regionale preceduto dalla sigla ENI (Europeo non iscritto) che garantisce loro, presso le strutture pubbliche e private accreditate, le seguenti prestazioni :
  • Cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti ed essenziali*, ancorché continuative  per infortunio  o malattia.
  • Interventi di medicina preventiva** e prestazioni ad essi correlate a salvaguardia della salute collettiva.
*Si intendono: cure urgenti quelle che non possono essere differite senza pericolo per la vita o la salute del paziente; cure essenziali le prestazioni sanitarie diagnostiche e terapeutiche relative a patologie non pericolose nell’immediato e nel breve termine, ma che con il tempo potrebbero determinare un danno alla salute o rischi per la vita (complicanze, cronicizzazioni, aggravamenti…). Sono pertanto assicurate anche le prestazioni di Pronto Soccorso, i ricoveri urgenti, i ricoveri non urgenti (considerati cure essenziali e continuative) e i ricoveri in regime di day hospital .
Deve inoltre essere assicurato al paziente un ciclo terapeutico e riabilitativo completo rispetto alla possibile risoluzione dell’evento morboso.
** Articolo 35, comma 3  del D.Lgs. 286/98

Sono garantiti:

  • tutela sociale della gravidanza e maternità
  • tutela della salute del minore
  • vaccinazioni secondo la normativa e nell’ambito di prevenzione collettiva autorizzati dalla regione
  • interventi di profilassi internazionale
  • profilassi, diagnosi e cura delle malattie infettive ed eventuale bonifica di focolai
  • interventi di prevenzione, cura e riabilitazione degli stati di tossicodipendenza.

Stranieri in attesa di regolarizzazione del contratto di lavoro e per i quali sia stata presentata la "Dichiarazione di emersione di lavoro irregolare"

Occorre presentare la seguente documentazione:
  • fotocopia della documentazione comprovante l'attestato di pagamento del contributo forfetario
  • fotocopia della cedola a dimostrazione dell'avvenuta presentazione della dichiarazione
  • fotocopia del passaporto o del documento valido per l'espatrio del lavoratore

L'iscrizione al SSN avviene per un periodo di 3 mesi, eventualmente prorogabile qualora la Prefettura non rispetti i tempi previsti per la definizione della pratica. Si provvederà alla regolarizzazione dell'iscrizione quando il cittadino straniero sarà in possesso del permesso di soggiorno rilasciato dallo sportello Polifunzionale contestualmente alla firma del contratto di lavoro.

Iscrizione al SSR dei minori stranieri a prescindere dal permesso di soggiorno (minori STP/ENI)

Ai sensi dell’Accordo Stato-Regioni del 20/12/12, recepito dalla Regione Liguria con DGR n. 585 del 24/05/13 e della nota ARS prot. n. 7155 del 15/09/14, nelle more dell’emanazione di indicazioni ministeriali. I minori STP/ENI, figli di genitori non in regola con le norme relative all’ingresso e al soggiorno, ma in possesso di regolare C.F., possono essere iscritti al SSR con la relativa assegnazione del pediatra di libera scelta o del medico di medicina generale, nel rispetto della normativa vigente.
L’iscrizione ha durata semestrale, rinnovabile per tutto il tempo in cui il minore soggiorna sul territorio ligure.
All’atto dell’iscrizione il genitore, munito del proprio tesserino STP/ENI, deve esibire :
  • un documento che attesti le generalità del minore (es. atto di nascita o altro documento  da cui risultino i dati anagrafici del minore)
  • Copia del  Codice Fiscale

Informazioni aggiuntive

  • Dipartimenti: Direzione Socio sanitaria
Ultima modifica il Lunedì, 20 Marzo 2017 17:00

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.
Modulo informativo EU Cookie Directive