Stampa questa pagina
Logo asl 3 genovese
Giovedì, 29 Giugno 2017 17:01

Al via il progetto didattico sull'educazione a corretti stili di vita

Presentato in Regione questa mattina

Genova - Si è svolta questa mattina, nella Sala della Trasparenza della Regione, la presentazione dell’innovativo progetto didattico “Educazione a corretti stili di vita. La cultura della prevenzione attraverso un nuovo strumento di insegnamento da introdurre nelle scuole” rivolto agli studenti delle medie inferiori. Il progetto - a cura di ASL3 Genovese-  prevede un manuale, destinato agli insegnanti, utile a preparare i “ragazzi maggiormente predisposti” i quali a loro volta trasmetteranno il messaggio ai loro compagni attraverso un kit di slide. I contenuti del manuale sono relativi agli aspetti che maggiormente incidono sulla salute psico-fisica dei giovani: l’alimentazione (disturbi alimentari), l’abuso di alcol, fumo e cannabis, le nuove sostanze sintetiche, le malattie sessualmente trasmissibili e i pericoli della rete.

Scopo principale dell’iniziativa è stimolare la riflessione e promuovere scelte consapevoli nei ragazzi, attraverso incontri nelle scuole in cui vengono trattati i temi con un linguaggio semplice e diretto. Responsabili scientifici del progetto sono Luigi Carlo Bottaro, Direttore Generale della Asl3 Genovese; Gianni Testino, Coordinatore Centro Alcologico Regionale e Patrizia Balbinot, Operatrice Socio Sanitaria Centro Alcologico Regionale.  “Il progetto che è stato presentato - spiega Bottaro - nasce come sintesi di un lavoro di rete ed è frutto dell’esperienza professionale sul campo che ha riunito Prefettura, Procura della Repubblica, Forze dell’Ordine, mondo dell’Istruzione, associativismo e volontariato”.  “Lo scopo - aggiunge Testino - dell’iniziativa non è quello di proibire, ma di informare nell’età giusta per aiutare i ragazzi a sviluppare abilità personali, sociali e di rifiuto per resistere alle pressioni negative di ogni genere”. Il lavoro si avvale della collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale. Alla presentazione del progetto erano presenti in Regione Sonia Viale Vicepresidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità; Ilaria Cavo, Assessore alla Comunicazione, alla Formazione e alle Politiche giovanili; Walter Locatelli, Commissario Straordinario di Alisa; Sergio Bracco, Questore di Genova; Francesco Cozzi, Procuratore Capo della Repubblica di Genova; Domenico Pellegrini, Presidente della Giunta Ligure Associazione Nazionale Magistrati; Cristina Maggia Procuratore della Repubblica Tribunale dei Minori di Genova; Marco Frascio Coordinatore del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università di Genova, Roberto Galuffo dell’Ufficio Scolastico regionale ligure, Antonella Molteni Docente dell’istituto comprensorio Rivarolo e  Giorgio Schiappacasse, Direttore SerT ASL3 Genovese. 

Usiamo i cookie per migliorare il sito e l'esperienza utente e il loro uso è essenziale per il corretto funzionamento dello stesso. Per saperne di piu' sui cookie, come cancellarli e come vengono utilizzati, andate nella nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.